Marocco

20
Set

WEBINAR | Seminario online su fermi biologici e reti da pesca

Si è tenuto mercoledì 20 settembre 2017, l’appuntamento online su Webport, che ha permesso ai pescatori di Nador di incontrare le comunità mediterranee di Himara (Albania), Algeri (Algeria), Marsa Matrouh (Egitto), Tricase (Italia) e Zarzis (Tunisia).

I pescatori hanno dialogato e si sono confrontati sulle attrezzature da pesca in uso nelle rispettive comunità, soprattutto relativamente alle normative che disciplinano le dimensioni delle reti e la larghezza delle maglie.

Altro argomento di discussione sono stati i periodi di fermo biologico previsti per alcune specie ittiche e la situazione relativa agli indennizzi previsti, garantire il sostentamento dei pescatori, durante tale periodo.

Webport è un porto virtuale che offre la possibilità di incontro e di condivisione di esperienze alle comunità costiere mediterranee. È ideato dal CIHEAM Bari e finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo nell’ambito del programma NEMO.

7
Giu

Il Marocco vicepresidente della Conferenza delle Nazioni Unite sugli oceani

Il Marocco è stato eletto vicepresidente della Conferenza delle Nazioni Unite sugli Oceani, che si è svolta nella sede dell’Onu a New York dal 5 al 9 giugno 2017.

Il Regno è stato eletto all’unanimità dai 193 membri delle Nazioni Unite insieme a 12 altri paesi.

La conferenza, che coinvolge oltre 120 paesi, si pone quale obiettivo la necessità di conservare e utilizzare in modo sostenibile gli oceani, i mari e le risorse marine a vantaggio delle generazioni presenti e future.

8
Mag

I servizi portuali a Beni Ensar

Porto di Beni Ensar (Nador). Gru mobile per il varo e l’alaggio delle imbarcazioni.

La struttura si trova nell’area portuale ed è utilizzata per la riparazione e la manutenzione degli scafi e dei motori.

4
Mag

“Fattorie” per le alghe nella Laguna di Marchica

Nell’ambito del programma “Gestione integrata delle zone costiere del Regno del Marocco (ICZM)” e del programma “Sustainable Med“, attuato dal Ministero dell’Ambiente e sostenuto dal Fondo per il Global Fund for Environment (GEF) e dalla Banca Mondiale, la Cooperativa Artigianale “Marchica”, creata il 05 ottobre 2013, che conta oggi circa 30 membri, ha ricevuto una sovvenzione per la realizzazione di un progetto di allevamento di alghe, della specie Gracilaria Gracilis.

Il progetto, di natura sociale, è sviluppato e monitorato dall’Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell’Acquacoltura (ANDA) ed ha come obiettivo la diversificazione dell’attività dei pescatori locali. Ciò porterebbe a ridurre la pressione della pesca sugli stock ittici e contemporaneamente a migliorare il reddito dei pescatori.

L’impianto, che prevede di raggiungere una produzione annua di 1300 tonnellate di alghe umide, occuperà una concessione offshore di 28 ettari, nel comune di Bouareg (Laguna di Marchica), con un totale di 16 unità di coltivazione, da istituire entro il 2017 e il 2018.

La tecnica adottata è quella della coltivazione su reti sospese tra pali in legno. Il prodotto è destinato all’industria per l’estrazione di Agar.

13
Mar

Il porto di Nador pronto per il cambiamento

L’Agenzia nazionale portuale (ANP) è impegnata a studiare tutte le possibili opportunità per lo sviluppo e la trasformazione delle attività nel porto di Béni Ensar, Nador.

Lo studio dovrebbe portare allo sviluppo di una strategia per il riposizionamento del porto entro il 2030, alla luce dei cambiamenti in corso, in particolare la costruzione del nuovo porto di Nador West Med.

Secondo ANP, il porto di Nador è la porta marittima della regione orientale sul Mar Mediterraneo, con servizi di linea verso diversi porti in Europa e in Africa. Le attività nel porto di Nador sono diversificate: import/export, trasporto passeggeri, pesca e attività connesse.

X