Albania

2
Feb

I pescatori di Himara contro le decisioni comunali

I pescatori di Himara hanno richiesto un incontro nel comune di Himara per discutere dell’ultima decisione del Consiglio Comunale di aumentare le tasse locali per gli operatori economici nella regione. Secondo loro, questa non è una decisione giusta per il settore della pesca in quanto non dispongono di infrastrutture di base per sviluppare normalmente la loro attività.

In molti casi sono obbligati a utilizzare il porto di Porto Palermo per la loro attività, rischiando di essere penalizzati dall’Ispettorato Regionale della pesca, poiché per licenza devono ancorare solo al porto principale di Himara. Inoltre, ci sono molte altre mancanze di strutture nel settore della pesca a partire dall’assenza di un mercato ittico e di uno spazio dedicato per riparare reti e navi.

15
Gen

L’Organizzazione per la Gestione della Pesca a Valona sospesa dal Ministero dell’Agricoltura

L’Organizzazione per la gestione della pesca (MFO), a Valona, è stata sospesa dal Ministero dell’Agricoltura, Dipartimento della Pesca, a causa del mancato adempimento dei doveri e delle responsabilità previsti dal piano di cogestione sottoscritto dalle parti.

Il Presidente del’organizzazione di Valona, Mezan Mezani ha giudicato illegittima la decisione ed ha avviato una causa contro il Ministero dell’Agricoltura, richiedendo l’immediata revoca del provvedimento.

D’altra parte, i pescatori stanno richiedendo all’Ispettorato per la pesca di Valona di guidare il processo di ristrutturazione della FMO per migliorare la situazione della pesca nella baia di Valona.

La richiesta principale è la creazione immediata di un porto dedicato alla loro flotta. Tutte le parti stanno negoziando con le istituzioni nazionali e locali per trovare la soluzione migliore per i pescatori.

8
Gen

I porti di pesca in Albania

Il Ministero dell’Agricoltura albanese ha avviato l’inventario dei porti di pesca in Albania.
Nella parte meridionale dell’Albania ci sono, allo stato attuale, tre porti di pesca ufficiali: Triport a Valona, Himara e Saranda.

La decisione del Ministero dell’Agricoltura, che ha la priorità di sostenere la piccola pesca artigianale, è incentrata sulla definizione di un quadro chiaro dei porti ufficiali di pesca e sulla identificazione di altri potenziali porti da adibire al tale settore.

Questa azione regolerà il settore e aiuterà i pescatori legali a sviluppare meglio la loro attività. Dopo l’inventario e l’approvazione della relazione finale, il Ministero inizierà il dialogo con le parti interessate per discutere dell’istituzione di organizzazioni, in diverse aree, per una migliore gestione del settore ittico.

3
Gen

L’artigianato della comunità di Himara

La lavorazione della pietra è una tradizione molto diffusa nell’area di Himara. Le case tradizionali erano costruite dagli stessi proprietari con l’uso di pietre che erano incise con forme di animali e piante per motivi religiosi.Anche le corone degli ingressi e le finestre venivano scolpite con motivi differenti.

Oltre alla pietra, tradizionalmente, era molto utilizzato il legno per la produzione di posate, culle, strumenti musicali, piccoli mulini a mano, macini per il caffè e il tradizionale bastone del pastore.

Oggi la tradizione è quasi scomparsa. Solo alcuni anziani ancora conoscono le tecniche di lavorazione tradizionali e sarà una sfida fare in modo che non vadano perse.

Altra attività tradizionale legata all’artigianato è la lavorazione della lana e delle pelli. Utilizzate principalmente nella produzione di abbigliamento, scarpe e vari accessori, ma anche per la realizzazione di una tipica coperta chiamata pelf.

17
Dic

La tradizione gastronomica di Himara

La regione di Himara, in Albania, è caratterizzata da alte montagne che scendono a picco verso il mare. In questo contesto geografico, la gastronomia presenta i caratteri tipici di una tradizione pastorale e contadina, ma anche marinara.

Il menu tradizionale della regione, infatti, propone sia piatti di pesce che di carne. L’agnello è la varietà di carne più tradizionale e più usata. Nei menù di carne è sempre presente il kukurec preparato con interiora arrotolate nell’intestino di agnello e grigliato e il ksirogjak, intestino riempito con riso e agnello.

Molto frequenti sono anche i prodotti a base di latte, come yogurt, burro e formaggi. Una specialità della zona è il pervelak, una miscela di burro bollito, formaggio e pane.

Le torte salate sono molto presenti nella cucina di Himara. Sono farcite solitamente con vegetali ma anche con carne o pesce. Tra le più conosciute ci sono il mesnic, torta salata di pollo e fagioli e la roshnica, al rosmarino.

Tra le bevande alcoliche è molto diffuso il raki e alcune varietà di vini. Il liquore al caffè è una specialità tradizionale fatta in casa nell’antica Himara.

Il fico è un frutto molto popolare nella zona e viene consumato sia fresco che secco. È anche utilizzato nella preparazione del bukfiqa, fichi secchi tritati e mescolati con raki.

13
Nov

Progetto di riqualificazione urbana della regione di Himara

Nella municipalità di Himara, il governo albanese ha avviato un progetto di riqualificazione urbana che trasformerà il centro di Himara e le aree circostanti.

L’obiettivo principale del progetto è sostenere le infrastrutture turistiche e aumentare le economie locali, ottimizzando l’accesso alle principali attrazioni di Himara e delle aree circostanti.

Questo investimento finalizzerà il progetto in corso di Himara Promenade, che collega il centro della città con i villaggi circostanti.

Contemporaneamente, il Ministero della Cultura ha iniziato un progetto di restauro di vecchi edifici nel villaggio di Vuno, in quanto parte del patrimonio culturale albanese.

9
Nov

Centrophorus Tessellatus a Himara Bay

Una rarissima specie di squalo è stato ritrovato nelle reti dei pescatori di Himara. Si tratta di un esemplare di Centrophorus Tessellatus, un piccolo squalo, appartenente alla famiglia dei Centroforidi, che può raggiungere la lunghezza massima di 89 cm e che è conosciuto dai pescatori con il nome di squalo anguilla.

Vive abitualmente nell’Oceano Pacifico, lungo le coste del Giappone e delle Isole Hawaii, a profondità comprese tra i 260 e i 730 metri.

Per i pescatori di Himara non è la prima volta che esemplari di squali restano impigliati nelle reti, durante questo periodo. A loro avviso la presenza di questo predatore può essere correlata con i cambiamenti climatici in atto.

25
Ott

Il ponte di Prokopi dichiarato monumento culturale

Il Ponte Prokopi ad Himara è stato dichiarato monumento di valore culturale, con ordinanza del Ministero della Cultura, n. 477 del 14.07.2017, per il suo valore architettonico e in quanto parte integrante della storia e delle dinamiche di sviluppo del centro storico di Himara.

Costruito nel 1878 da Vjero Kosta, sorge vicino alla chiesa di San Prokopi, da cui prende il nome. Storicamente collegava la struttura religiosa con il centro storico della citta di Himara.

Il ponte Prokopi è una solida costruzione con un’altezza complessiva di 7 metri, un arco alto 4 metri e la pavimentazione di 3,80 metri di larghezza. I suoi sostegni poggiano sulle scogliere del torrente sottostante.

La proposta di riconoscimento di monumento nazionale è stata presentata da DRKK Valona (Direzione Regionale della Cultura Nazionale, Valona) che ha richiesto anche la concessione dello status di monumento culturale per i luoghi di culto, gli edifici di raro valore ingegneristico e architettonico, così come le rovine archeologiche della zona.

25
Ott

WEBINAR | Seminario online sulla pesca delle sardine

Sul porto digitale WEBPORT, si è tenuto mercoledì 25 ottobre 2017, l’incontro online sulla pesca delle sardine e la sua filiera, dalla pesca alla distribuzione.

Il tema è stato affrontato dai pescatori di Himara insieme ai loro colleghi di Egitto, Italia, Marocco e Tunisia ed ha evidenziato differenze e similarità, tra le varie comunità relativamente alle tecniche utilizzate per la pesca, alla domanda di sardine sui mercati di ogni comunità.

Molto dibattuto e di grande importanza è stata la trasformazione della sardina e di altre specie di pesce azzurro, settore che sta acquisendo una sempre maggiore importanza per l’economia di alcune delle comunità presenti.

23
Ott

L’acquacoltura a Porto Palermo

L’attività di pesca in Albania ha da sempre avuto una grande rilevanza nell’economia albanese.
Dal 2004, a tale attività si affianca quella dell’acquacoltura, praticata soprattutto lungo la costa meridionale. In quest’area, è stata installata un’azienda ittica per l’allevamento delle orate (Sparus Aurata).
Dal punto di vista morfologico e geografico, la baia di Porto Palermo è particolarmente adatta a questo genere di attività. Essa infatti è molto profonda e naturalmente protetta dalle forti correnti.

X